Sin Ropas

Giovedì 25 febbraio ore 21:00
FAT CAOS
Via Campofregoso, 120, 05100 Terni

h 20:00 cena con piatto degustazione + bevanda € 8:00

h 22:00 live di SIN ROPAS (USA)

I Sin Ropas hanno sempre reso strano ciò che è familiare. Il duo multistrumentale di Marshall (North Carolina) crea una pop music dolente e sfaccettata, che scorre libera tra frammenti di beats arrugginiti e ruvide armonie vocali, tra chitarre graffianti e suoni trovati, tra strumenti autocostruiti ed elettronica sperimentale. La loro musica ha il sapore dell’amore perduto e della redenzione che lo segue, è al contempo piena di desiderio e rivelatrice, inquietante e contraddittoria. Una sensazione che Tim Hurley dei Sin Ropas capisce molto bene: «registrare dischi è sempre stata una sofferenza», dichiara Hurley. «Quando ho scritto il mio primo disco “Three Cherries” (pubblicato nel 2000 dalla Perishable Records), mi sono lanciato nell’avventura pensando che una volta imparata questa specie di magia, scoperto il segreto che si nasconde dietro la produzione di un album, poi sarebbe stato tutto facile. Ma ben presto ho imparato che non si trattava affatto di scrivere ‘canzoncine da falò’, ma piuttosto era come entrare nel mio cervello e tirarvi fuori, quasi fisicamente, testi e melodie… Una cosa molto dolorosa e di cui avevo avuto solo una vaga idea scrivendo canzoni con Red Red Meat e Califone – Official Pagee. Con i Sin Ropas è come farmi a pezzi ogni volta e poi rimettermi insieme attraverso le canzoni. Una pratica che crea anche dipendenza, come spesso accade con tutto ciò che genera dolore».

Forse questo spiega perché tra un disco e l’altro dei Sin Ropas passi sempre un po’ di tempo. Il loro secondo disco, “Trickboxes on the Pony Line” (Sad Robot, 2003) è diventato il punto di riferimento con cui confrontarsi successivamente. Tanto “Three Cherries” era un disco intimo e claustrofobico, spesso in modo quasi commovente, quanto “Trickboxes” era un insieme di folli e psichedeliche canzoni pop. Registrato in molti posti diversi in ben due continenti (durante le registrazioni Iosello si trovava in Germania per una borsa Fullbright), “Trickboxes” ha un suono che avrebbe reso famosi i Sin Ropas, molto abili anche a tradurlo dal vivo con Hurley che suona la chitarra e canta sugli strati di loop creati con essa e Iosello che si divide tra batteria, tastiere ed elettronica.

Mirror Bride è il quinto disco in studio per i Sin Ropas di Tim Hurley (Red Red Meat) e Danni Iosello (Califone, Errs), compagni nella vita e sul palco.
Esce a febbraio 2016 su Jealous Butcher (distr. europea tramite Carrot Top). Promozione italiana a cura di Wakeupandream.

Seguici su Facebook!